A Imola, la FMI ricorda i pluri campioni italiani di motocross Ostorero, Tosi e Forni

FMI

Nel corso del GP d’Italia, ventesimo ed ultimo round del Mondiale cross, presso la sala stampa dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, il Presidente FMI, Giovanni Copioli, presenti il Presidente FIM Europe, Wolfgang Srb, il Presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense e Luciano Costa, organizzatore dell’interessante mostra “50 anni di Motocross”, allestita vicino al Museo dell’autodromo “Checco Costa” e relativa al periodo 1948 – 1998, sono stati celebrati Emilio Ostorero (vincitore di 16 titoli nazionali e di oltre 350 gare nazionali e internazionali tra gli anni ’50 e ‘70), Canzio Tosi (5 volte Campione Italiano negli anni ’60), Gian Pio Ottone (pilota di Regolarità e Motocross a cavallo tra gli anni ’50 e ’60) e Italo Forni (3 volte Campione Italiano negli anni ’70). Inoltre hanno ricevuto l’importante riconoscimento Giorgio Battistini, Sergio Gandolfi, Gianni Mongardi, Bruno Montalbini, Franco Rippa, Carlo Roversi, Gianni Trenti e Mario Ulissi.

“Ringrazio la FMI per aver organizzato questa iniziativa”, ha detto il Presidente FIM Europe, Wolfgang Srb.E’ sempre molto importante ricordare le radici dello sport e diffonderne la cultura. Inoltre ricordo con grande piacere Emilio Ostorero sia come pilota che come Membro di Giuria, all’interno della quale era per me un punto di riferimento”. Il Presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense, dal canto suo ha spiegato: “La Federazione Europea e Italiana hanno un ruolo fondamentale nel mondo motociclistico del passato, del presente e del futuro. I miei ricordi personali sono legati soprattutto a Italo Forni, di cui ricordo bene gare e risultati. Ringrazio il Presidente Srb e il Presidente Copioli per la loro vicinanza e partecipazione a questo straordinario evento del Motocross Mondiale all’interno del circuito di Imola”.

“Con questo evento abbiamo voluto trasmettere la cultura del Motocross, o almeno una parte molto importante della storia di questa specialità”, ha dichiarato il Presidente FMI Giovanni Copioli. “Abbiamo premiato piloti capaci di compiere gesti sportivi di incredibile valore e di diffondere questa specialità nella società italiana dell’epoca. Se il Motocross nel nostro Paese ha sempre avuto risalto, è anche merito loro. La premiazione inoltre si è inserita in un contesto di grande valore vista la contemporanea ricorrenza dei 70 anni dal 1° Motocross Internazionale d’Italia e la mostra organizzata da Luciano Costa, che ringrazio a nome della FMI per la preziosa collaborazione nell’organizzazione della celebrazione”.